Nuove stime globali dell’inattività fisica – OMS, 2024

10 Luglio 2024

L’attività fisica regolare migliora la salute mentale e fisica, riducendo il rischio di malattie non trasmissibili (NCD) come malattie cardiache, ictus, cancro e diabete. 

Nel 2018, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha pubblicato il Piano d’azione globale sull’attività fisica 2018-2030 per aiutare i paesi a intensificare le azioni politiche per promuovere l’attività fisica. Inoltre, hanno fissato l’obiettivo globale di ridurre l’inattività fisica del 15% entro il 2030 rispetto al livello del 2010. 

Sfortunatamente, i risultati dell’ultima valutazione globale dei livelli di inattività fisica rivelano che il mondo è fuori rotta per raggiungere l’obiettivo globale. 

Ad oggi, il 31% degli adulti è fisicamente inattivo e questo equivale a 1,8 miliardi di adulti a livello globale. Dal 2018, anno in cui sono state pubblicate le ultime stime, la prevalenza dell’inattività fisica è aumentata di 5 punti percentuali. 

Le recenti stime, pubblicate su Lancet Global Health, mostrano che i livelli di inattività fisica variano anche in base al sesso, all’età, alle regioni e tra e all’interno del reddito del paese. 


  • Le donne sono meno attive degli uomini: meno donne soddisfano le raccomandazioni globali sull’attività fisica rispetto agli uomini (5 punti percentuali); 



  • L’inattività fisica aumenta con l’età: un minor numero di adulti di età superiore ai 60 anni soddisfa le raccomandazioni globali rispetto agli adulti più giovani; 



  • I livelli di inattività fisica variano tra le regioni dell’OMS: questo rapporto ha rilevato che i tassi più alti sono stati osservati nella regione del Mediterraneo orientale e nella regione del Sud-Est asiatico; 



  • Infine, questi dati rivelano un forte aumento dell’inattività fisica nei paesi a reddito medio-basso nel corso del tempo. 


Nel complesso, se queste tendenze continuano, si prevede che i livelli globali di inattività fisica saliranno al 35% entro il 2030 (38% nelle donne e 32% negli uomini).

“L'inattività fisica è una minaccia silenziosa per la salute globale, contribuendo in modo significativo al carico delle malattie croniche. Dobbiamo trovare modi innovativi per motivare le persone a essere più attive, considerando fattori come l'età, l'ambiente e il background culturale. Rendendo l'attività fisica accessibile, conveniente e piacevole per tutti, possiamo ridurre significativamente il rischio di malattie non trasmissibili e creare una popolazione più sana e più produttiva". Dr. Rüdiger Krech, Direttore della Promozione della Salute presso l'OMS

Ciò evidenzia la necessità di creare un mondo più attivo e più sano attraverso partenariati efficaci e l’allocazione delle risorse che diano priorità agli investimenti nella politica per consentire a tutti gli adulti di essere regolarmente attivi fisicamente in modi convenienti, sicuri e piacevoli.

"La promozione dell'attività fisica va oltre la promozione della scelta di uno stile di vita individuale: richiederà un approccio che coinvolga l'intera società e crei ambienti che rendano più facile e sicuro per tutti essere più attivi nei modi che amano per raccogliere i numerosi benefici per la salute di un'attività fisica regolare", ha dichiarato la dott.ssa Fiona Bull, capo dell'unità dell'OMS per l'attività fisica

Fonti:

National, regional, and global trends in insufficient physical activity among adults from 2000 to 2022: a pooled analysis of 507 population-based surveys with 5·7 million participants


Nearly 1.8 billion adults at risk of disease from not doing enough physical activity

Ultime news