Ridurre il divario nella salute delle donne: un’opportunità da 1 bilione di dollari

8 Marzo 2024

Quando si parla di problemi di salute delle donne, spesso si afferma che, in media, le donne vivono più a lungo degli uomini. Tuttavia, questo trascura il fatto che in realtà trascorrono il 25% in più della loro vita con problemi di salute che limitano il loro benessere e influenzano la capacità di guadagnarsi da vivere, mantenersi e prendersi cura delle loro famiglie. Avere a che fare con questi problemi di salute durante gli anni di lavoro influisce sulla capacità di essere presenti e/o produttivi a casa, nella forza lavoro e nella comunità.  

Oltre agli impatti sulla società, affrontare le disparità nella salute delle donne consente loro di partecipare più attivamente al mondo del lavoro, incrementando l’economia di almeno 1 trilione di dollari all’anno entro il 2040. Il report mette in evidenza 4 aree principali che devono essere affrontate per colmare il divario nella salute delle donne: 


  1. Scienza: storicamente, gli uomini hanno sia guidato che sono stati oggetto di studio della medicina e della biologia e la maggior parte dei modelli animali sono basati su esemplari maschili, di conseguenza, esistono meno trattamenti disponibili ed efficaci per le donne. Per comprendere meglio la biologia femminile, si dovrebbero sviluppare strumenti di ricerca nuovi che classifichino meglio i sintomi e le manifestazioni delle malattie delle donne. 

  2. Dati: molti dei set di dati epidemiologici e clinici ampiamente utilizzati oggi escludono o sottovalutano condizioni importanti, non riuscendo a fornire un quadro completo della salute delle donne.

  3. Erogazione dell’assistenza: esistono disuguaglianze lungo l’intero percorso di cura, dalla sensibilizzazione e prevenzione all’accessibilità e all’economicità delle cure, dalla diagnosi tempestiva alla scelta del trattamento. Per le donne, non solo è difficile ricevere una diagnosi chiara e un’assistenza adeguata, ma le frequenti diagnosi errate influenzano il modo in cui gli investitori e i ricercatori decidono cosa è importante e quanto grande potrebbe essere il mercato delle soluzioni. Di conseguenza, non è possibile identificare chiaramente la prevalenza sottostante o la gravità dei sintomi spesso associati a condizioni meno comuni, portando a diagnosi errate.

  4. Investimenti: gli investimenti nelle condizioni di salute delle donne sono stati sproporzionatamente bassi rispetto alla prevalenza di tali condizioni, portando a un ampliamento del divario di salute delle donne. In questo momento, la maggior parte della ricerca e dello sviluppo globale nel campo delle scienze della vita si concentra principalmente su problemi di salute che causano una significativa perdita di anni di vita. Sfortunatamente, questo approccio tende a trascurare le donne perché è più probabile che affrontino condizioni che influiscono sulla loro qualità di vita, misurata in termini di anni vissuti con una disabilità, piuttosto che solo di quanto tempo vivono. 


Le disparità nella salute delle donne non si ripercuotono solo sulla loro qualità della vita, ma anche sulla loro partecipazione economica. Investire nel miglioramento della salute delle donne può non solo migliorare la loro qualità della vita, ma anche consentire loro di partecipare più attivamente alla forza lavoro e portare a un ritorno sull’investimento (ROI) positivo: per ogni dollaro investito, circa 3 dollari sono previsti in crescita economica. 

Per andare avanti, dobbiamo agire su 5 diversi aspetti, tra cui investire nella ricerca incentrata sulle donne; raccogliere e analizzare sistematicamente dati specifici per sesso, etnia e genere per avere una rappresentazione più accurata del carico di salute delle donne e dell’impatto dei diversi interventi; migliorare l’accesso alle cure specifiche per genere; creare incentivi per nuovi modelli di finanziamento per colmare il divario di salute delle donne e definire politiche aziendali che sostengano la salute delle donne. 

Fonte: McKinsey Health Institute 

Ultime news